martedì, 23 aprile 2019

Comeinvestireoggi.com

Crescita finanziaria, economica e culturale

L’oro flette leggermente dopo la salita

Scritto da Redazione - mercoledì, 6 Febbraio 2019 - Letto 105

I futures dell’oro, dopo aver raggiunto un massimo di periodo a 1326 dollari l’oncia il 31 di gennaio, hanno iniziato a flettere facendo lievitare una piccola perdita settimanale dato che il dollaro USA ha continuato una serie di guadagni.

L’oro per la consegna di aprile GCJ9, -0,10 -0.09%  sceso di $ 1, o dello 0,1%,
a $ 1,313,40 l’oncia, mentre a marzo SIH9, -0,20%  era fuori 1,1 centesimi, o 0,1%, a $ 15,69 l’oncia.

Il dollaro, dopo un avvio debole, questa settimana ha girato in positivo.
Un dollaro più forte può essere un peso sulle materie prime quotate nell’unità statunitense, rendendole più costose per gli utenti di altre valute.

“Lo sviluppo del tasso di cambio è presumibilmente l’unico motivo per cui l’oro sta scendendo proprio ora, in quanto l’oro in euro si mantiene relativamente bene a circa € 1.150. Crediamo che l’oro dovrebbe mantenere una buona domanda – anche se, i rischi politici sembrano essere in aumento “,
hanno scritto gli analisti di Commerzbank, in una nota.

Sono state sottolineate le rinnovate tensioni tra l’Italia e l’Unione europea dopo che Bruxelles ha tagliato le sue previsioni economiche per il paese e la zona euro. Una più lenta crescita del PIL renderà più difficile per l’Italia colpire il suo obiettivo di deficit di bilancio, potenzialmente riaccendendo le tensioni con Bruxelles.

Nel commercio di altri metalli, il palladio di marzo PAH9, + 0,28%  è aumentato di 20 centesimi, o meno dello 0,1%, a $ 1,351,80 l’oncia, mentre il platino di aprile PLJ9, -0,90%  era fuori da $ 6,30, o lo 0,8%, a $ 807,50 l’oncia.

Il rame di marzo HGH9, + 0,12%  era più alto di 0,25 centesimi, un guadagno dello 0,1%, a $ 2,8385 al chilo.

Inserisci un commento